muro bianco, muro nero

Se alzi un muro, pensa a ciò che resta fuori!

(Italo Calvino “Il barone rampante”)

Il muro è separazione, barriera, isolamento, ma anche difesa, accoglienza , calore.

Allude ad un dentro e ad un fuori, all’interiorità e all’esteriorità, ad un lato e ad un altro, rimbalzando tra gli opposti  intrinsechi del suo significato.

Cadendo però nell’impossibilità di tendere all’infinito apre un varco che ci permette di guardare al di là, verso la vita e le sue contraddizioni, per farci riflettere sui percorsi intrapresi o su quelli futuri, ma sempre dettati dalle nostre scelte…giuste o sbagliate!

                                                                                       (Marina Rossi)